Scuole Elementari

Dopo aver compreso le caratteristiche delle nostre proposte alla pagina dell’offerta formativa, di seguito potete trovare un elenco dei percorsi proposti per le scuole elementari.

>>> LA VALIGIA CON LE GAMBE. Perché la diversità non sia paura ma ricchezza, bellezza e gioia di vivere insieme

Obiettivi

  • Stimolare le scuole coinvolte (insegnanti, bambini, ecc.) ad affrontare il tema dell’accoglienza producendo oggetti e materiali fatti dai bambini
  • Suscitare nei bambini interesse e curiosità inerenti alla tematica della diversità, nella quale possono convivere paura e bellezza come base per l’accoglienza
  • Produrre un elaborato, un oggetto finale che possa suscitare interesse nei genitori dei bambini, stimolando un confronto e il dibattito sul tema
  • Incentivare più classi alla costruzione di un oggetto di lavoro comune che possa mettere le classi in collegamento senza stravolgere le proprie ordinarie attività
  • Produrre un oggetto finale che possa interrogare “il mondo” esterno alle scuole (istituzionale, associazionistico, scolastico, ecclesiale, ecc.) rispetto alla tematica dell’accoglienza

Destinatari: classi dalla 1a alla 5a elementare

Tempi: per i bambini due incontri di circa 2 ore ciascuno, per i genitori un incontro di circa 2 ore

>>> Lo scrigno dei tesori

Obiettivi

Con questo progetto vogliamo accompagnare i ragazzi delle classi a fianco degli insegnanti e insieme ai loro genitori alla riscoperta delle relazioni positive in classe; esercitandosi nell’accoglienza e non nell’esclusione, nell’ascolto e non nella diffidenza, facendo piccoli passi di pace, e scoprire che proprio la diversità dell’altro è una ricchezza per me. Con la possibilità per le insegnanti di conoscere ed esercitarsi nell’uso di uno degli strumenti di lettura delle relazioni tra i bambini: il sociogramma di Moreno.

Destinatari: classi dalla 1a alla 5a elementare

Tempi: per i bambini tre incontri di circa 2 ore ciascuno, per gli adulti un incontro di circa 2 ore

>>> Cibo per tutti

Obiettivi

Sensibilizzare alle tematiche legate allo speco di cibo, che vuol dire produzione, distribuzione e consumo di cibo partendo dal paradosso che vede, contemporaneamente, un mondo capace di produrre cibo a sufficienza per tutti e con più di un miliardo di persone non hanno cibo a sufficiente per vivere; Educare a comportamenti consapevoli e responsabili in ambito scolastico e domestico per garantire l’accesso alle risorse ad ogni essere umano.

Percorsi formativi con i bambini delle scuole primarie volti alla sensibilizzazione alle tematiche e all’acquisizione di buone pressi legate al cibo e allo spreco. Il progetto prevede tre incontri da due ore, tra il secondo e il terzo incontro è prevosto un periodo di lavoro individuale della classe sugli stimoli ricevuti aiutati dalla consegna di un quadernino operativo per ogni bambino per lavorare a scuola e in famiglia sulle tematiche dello spreco di cibo per l’elaborazione di buone prassi.

Nello specifico:

  1. Il cibo è veramente per tutti? Presentazione della situazione del cibo a livello globale come distribuzione, denutrizione e malnutrizione.
  2. Ti invito a colazione. Riflessione sull’acquisto, la gestione domestica e il consumo di cibo.
  3. Il cibo non è un gioco. Partendo dall’analisi del lavoro svolto, elaborazione di proposte per intervenire su consumi e sprechi sia casa che a scuola.

Destinatari: classi dalla 1a alla 5a elementare

Tempi: per i bambini tre incontri di circa 2 ore ciascuno, per gli adulti un incontro di circa 2 ore

>>Noleggio borse magiche

E’ possibile noleggiare una borsa contenente diverso materiale su un paese da scoprire, in particolare India, Brasile e Madagascar. L’insegnante può noleggiare la borsa per utilizzarla in autonomia coi bambini in classe.

Annunci